Premio 2020, settima edizione: "INCLUSIONE DELLA DISABILITA' NEL MONDO DI RAFFAELLO" - Elaborati

BORRELLI Francesco, IL PARNASO, Accademia di Belle Arti, Frosinone

IL PARNASO
Nelle opere di Raffaello, la disabilità, viene trattata in un modo semplice ma non banale, nella quotidianità, con grande modernità e apertura mentale: il diverso non viene mai isolato, ma incluso, aiutato e, soprattutto nel caso del Parnaso, trattato alla pari. Raffaello ci presenta una...
Leggi di più

CAMPBELL Laura, CECITA', York St John University, TERZO PREMIO PER STUDENTI IN ISTITUZIONI BRITANNICHE

CECITA'
Cecità presenta una singolare opera d'arte che utilizza sia la parte anteriore che quella posteriore di un pezzo. La parte anteriore mostra un'esposizione a strati di un ritratto, usando foREtografie, fili, capelli, disegni e inchiostro che trapela per creare un ritratto astratto separato s...
Leggi di più

DAVIES Isabelle, ELYMA ACCECATO, University of York, PRIMO PREMIO PER STUDENTI DA ISTITUZIONI BRITANNICHE

ELYMA ACCECATO 
 
La figura di Elyma accecato nel cartone degli arazzi di Raffaello è perfetta per la traduzione in vetro colorato. L'arte è profondamente legata al Cristianesimo e alla luce e il processo di creazione prevede anche un cartone. Elymas è accecato come un atto di Dio, tagliato fuo...
Leggi di più

D'AVINO Lucia, PLACED IN A CORNER, Accademia di Belle Arti, Napoli, PRIMO PREMIO PER STUDENTI DA ISTITUZIONI ITALIANE

PLACED IN A CORNER
L'opera “Placed in a corner” riprende “l’Incendio di Borgo” affresco di Raffaello Sanzio e precisamente il particolare del giovane che carica sulle sue forti spalle il padre anziano. Dunque il tema della disabilità, intesa come cura e attenzione emerge con forza nella figura del...
Leggi di più

DELL'OMODARME Asya, PER FRANCESCA, Accademia di Belle Arti, Firenze

PER FRANCESCA
 
Gigi è un vecchietto che ha delle disabilità intellettive, 
Ama, più di tutto, raccontare storie su Francesca.
Per lei vorrebbe una città semplice, con un solo posto speciale: questo posto dovrebbe essere illuminato da tanti soli, che facciano crescere mille fiori.
Li regale...
Leggi di più

KRIZONYTE Vanesa, TRASCURATEZZA, University of York SECONDO PREMIO PER STUDENTI IN ISTITUZIONI BRITANNICHE

TRASCURATEZZA
“Uno ha il potere di controllare la propria percezione su tutte le questioni. La disabilità è inclusiva nella società, ma allo stesso tempo la più trascurata. Percepiamo la questione con compassione eppure sembriamo assorbiti da noi stessi nelle nostre vite " 
Qui mostro un'immagin...
Leggi di più

MERENDA Giovanni, MADRE, Accademia di Belle Arti, Napoli

MADRE.
La rappresentazione di una madre alla pediera di un letto d’ospedale, diviene la Madre di tutti: è una visione ribaltata del Cristo di Mantegna, in questo caso siamo noi il Cristo, la biografia di tutti, dei tanti, dei dimenticati, nel ritratto-sineddoche della donna: figli che debbono rico...
Leggi di più

WANG Cristina, ALI SULLA PELLE, Accademia di Belle Arti, Napoli

ALI SULLA PELLE
A coloro che hanno una vita più profonda
Cos’è potenza? Penso siano ali. Possono portare gli uccelli attraverso il mare:l’uomo ha fatto aeroplani ispirati da questi. Forse non riesci a vedere , forse il mondo è buio, puoi avvertire una sensazione amplificata. Senti delle rughe quan...
Leggi di più

WANG Pengpeng, INCLUSIONE DELLA DISABILITA' NEL MONDO DI RAFFAELLO, Università di Salerno TERZO PREMIO PER STUDENTI IN ISTITUZIONI ITALIANE

Clicca per vedere il video 

INCLUSIONE DELLA DISABILITA’ NEL MONDO DI RAFFAELLO
Quest'opera è creata per il tema di questa mostra “INCLUSIONE DELLA DISABILITA’NEL MONDO DI RAFFAELLO, che utilizza come sfondo il dipinto dell'artista Raphael, mentre nell'opera viene utilizzata la tecnologia di imaging 3D e l'immagine del corpo...
Leggi di più

ZAUNER Franziska, IO CAMBIO, IO IMPARO, Accademia di Belle Arti, Urbino PREMIO SPECIALE DELL'AMBITO TERRITORIALE SOCIALE IV DELLA REGIONE MARCHE PER STUDENTI IN URBINO

IO CAMBIO, IO IMPARO: 
Con la opera “io cambio, io imparo”, prendo posizione al paradosso della idea di norma, disabilita e inclusione. La scena offre una oggettivazione tra filosofia, natura e uomo. “Io esisto e con la mia esistenza sono parte!” Primario faccio questo pensiero per mostrare che a...
Leggi di più

ZOPPO Sara, CAOS, Accademia di Belle Arti, Napoli

CAOS
Fulcro dell’opera è la volontà di affrontare il tema della disabilità mentale e del caotico disturbo o perdita del senso d’identità. La diversità spesso spaventa ma è necessario tramutare la paura in attrazione e in volontà di integrazione. Essere diverso sfocia spesso nell’emarginazione ma l...
Leggi di più